Cani da attacco. Cani del diavolo. Cani cattivi. Se qualcuno menziona le parole “Doberman Pinscher” in una conversazione casuale, a volte questi termini vengono in mente. I dobermann sono i cattivi ragazzi di Hollywood: scacciano il bravo ragazzo dalla proprietà del cattivo. Proteggono squallide residenze di vicoli. Sembrano essere i sicari del mondo dei cani. È un fatto comunemente riconosciuto che i dobermann sono in qualche modo più cattivi o più pericolosi degli altri cani. Perché?

Un conduttore ha recentemente avuto il suo cane in un parco dove c’era una folla di spettatori dell’evento. Un ragazzino si avvicinò e chiese di accarezzare il cane. Il consenso è stato concesso e il ragazzo ha proceduto ad accarezzare il cane, tirare le orecchie del cane, fare domande sul cane e in generale fare amicizia. “Sai che razza di cane è?” chiese il conduttore. “No”, rispose il ragazzo. “Un dobermann”, disse il conduttore. Il ragazzo, senza una parola, si voltò e si allontanò. Deve essere stato ingannato dalle lunghe orecchie. Sì, alcuni doberman hanno orecchie lunghe e flosce. Ma perché quel nome era il rompicapo per un incontro altrimenti piacevole?

Il Doberman è una razza di cane molto antica e storica. Intorno al 1890, Louis Dobermann, un esattore delle tasse, cercò di allevare un cane adatto sia alla protezione che alla compagnia. Il suo lavoro all’epoca poteva rivelarsi pericoloso, poiché portava con sé denaro durante i suoi giri. Incrociando diverse razze tra cui il Rottweiler, il levriero e il Manchester terrier, Dobermann ha raggiunto il suo obiettivo: un cane da guardia di taglia media, robusto e obbediente. Il cane ha guadagnato popolarità come protettore e compagno. Dopo la morte di Dobermann nel 1894, i tedeschi chiamarono la razza in onore di Louis Dobermann (la seconda “n” fu abbandonata in seguito); Otto Goeller ha continuato a perfezionare l’allevamento del cane per creare il cane che vediamo oggi. Anche la parola tedesca per terrier, “pinscher”, fu successivamente abbandonata, poiché “terrier” non descriveva più il cane in generale.

Il ruolo principale del cane da lavoro del dobermann è quello di guardia e protettore della proprietà. Nel 1945, la razza prestò servizio nella seconda guerra mondiale, aiutando i marines statunitensi nelle loro pattuglie a Guam. Alla fine della guerra, 25 cani Marine Doberman avevano dato la vita per proteggere i soldati statunitensi rilevando mine terrestri, fiutando le forze nemiche in copertura pesante, portando comunicati informativi in ​​​​diverse aree e fornendo protezione nelle trincee in modo che i soldati potessero riposo. Alcuni di questi cani sono stati soprannominati “Devil Dogs” dai Marines per la loro ferocia in battaglia. Naturalmente, le orecchie appuntite e tagliate hanno contribuito a completare il quadro. Le orecchie e la coda dei cani sono state tagliate per ridurre al minimo la capacità del nemico di afferrare i cani se si fosse presentata l’opportunità. Le orecchie tagliate sono ancora popolari oggi, ma non sono più necessarie per nessun motivo pratico diverso dall’aspetto.

I recenti programmi di allevamento e l’istruzione sul doberman hanno migliorato notevolmente la razza. Non più allevati per l’aggressività, i dobermann sono cani amorevoli e orientati alla famiglia. La loro grande intelligenza e la loro illimitata energia richiedono molto esercizio e stimoli mentali come l’obbedienza e l’agilità, ma nelle loro menti sono davvero i migliori amici dell’uomo. Forse negli anni a venire il personaggio di Devil Dog può svanire nella storia, ma non essere mai dimenticato. www.antlerhollowmillville.com.